Dedicato al dandy contemporaneo: misterioso, intrigante, a cui piace uno spazio rock ed eccentrico, rigorosamente nero, il nuovo arredo neo dark è così.

Stile neo dark in soggiorno: pareti nere, divano in pelle nera di Doimo Salotti.photo reference | DOIMO SALOTTI LINEA PELLE

L’anno non è neppure terminato e già si rincorrono le nuove tendenze e gli stili che vedremo nel 2017. I prossimi appuntamenti che mi vedranno occupata sono a Gennaio. Si inizia con la fiera di IMMCologne (dal 16 al 22 gennaio a Colonia), un eccellente palcoscenico per le aziende del design internazionale; e a seguire Maison et Object a Parigi, una vetrina stilistica accattivante e piena d’ispirazioni.

Alcune tendenze però iniziano già a trasparire e ve lo voglio proporre. Questo è un nuovo codice di accesso per la casa: l’arredo neo dark.

Dopo anni di ambienti bianchi e chiarissimi, s’inizia a contrapporre l’opposto: il nero. Il neo dark è uno spazio deciso, per un nuovo dandy. Il colore nero, in alcuni casi utilizzato come “total black” rende gli ambienti misteriosi, intriganti.

Cucina neo dark - photo reference Design milkphoto reference | DESIGN MILK

Doimo Salotti - Domino divano colori scuri per arredo neo dark.photo reference | DOIMO SALOTTI SARTORIA

Gervasoni sedia Sweet total black.photo reference | GERVASONI

Bagno in stle arredo neo dark, pareti completamente nere e pavimenti monocromatico.photo reference | DESIGN MILK

L’atmosfera richiede oltre al colore nero su pareti e arredo, anche l’uso di abbinamentI quali marmo e metallo. Unici squarci ammessi sono le introduzioni di luci forti o pareti con fasci di luce che tagliano il buio. Anche le carte da parati, come questa di Wall and Decò, che rappresenta dei decadenti fiori neri, potranno inserirsi in questo contesto da “Black Dandy”.

Silver Blossom carta da parati con grandi fiori neri di Wallanddecò.photo reference | WALL AND DECO’

Northern Lighting lampada novità 2017

photo reference | NORTHERN LIGHTING

Sono consapevole che è una tendenza che abbraccerà una parte ristretta di seguaci. La sua applicazione, molto probabilmente sarà introdotta come accento noir negli arredi contemporanei. In queste ultima immagine vi presento degli esempi, più moderati dei precedenti. Le pareti sono monocromatice con una sfumatura di gradazioni dal nero al grigio. I tessuti e le pelli rimangono egualmente scure, leggermente ammorbidite dal tocco del legno.

Neo dark tendenza arredo per il soggiorno - Doimo Salotti divani tessuto.Doimo Salotti divani in pelle nero - stile neo dark nell'arredamento.photo reference | DOIMO SALOTTI

Tre pezzi must nell'arredo neo dark: tavolo, poltrona e lampada.

Tre pezzi scelti per voi per l’arredo neo dark.
  1. La poltrona Egg di Arne Jacobsen per Fritz Hansen.
  2. Il tavolo Tobi Ihsi di B&B.
  3. LaLampada (il nome è proprio questo) sospensione di Opinion Ciatti.

I materiali che non possono mancare sono: la pelle, il marmo e un tocco di metallo cromato per illuminare e interrompere il total black. Se volete rendere più morbido il look della stanza inserite un elemento di legno, preferibilmente in essenza di palissandro.

Cristiana | modaearredamento – TENDENZE NEO DARK.

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

2 Comments on Codice di accesso nuovo trend: arredo neo dark.

  1. Chiara
    29 agosto 2017 at 16:27 (3 mesi ago)

    Ciao, abbiamo un bagno con i complementi d’arredo dalle tinte scure. Dobbiamo acquistare la colonna doccia e vorremmo optare per quella a led che abbiamo visto in questo articolo vestocasa.it/colonna-doccia. Anche questa è scura, si abbina bene o la doccia diventerebbe troppo scura con il rischio di sembrare buia? Abbiamo bisogno di un consiglio!

    Rispondi
    • Cristiana Rosada
      29 agosto 2017 at 17:42 (3 mesi ago)

      Ciao Chiara, da quello che mi descrivi vi piaciono i colori scuri, per cui non mi preoccuperei del fatto che la colonna sia scura. Bisognerebbe anche valutare l’illuminazione generale del bagno se è adeguata.
      in un look total black preferisco rimanere tono su tono. Le versioni cromateche ho visto nell’articolo mi sembrano troppo “squillanti”.
      Ciao
      Cristiana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *